Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2009

@ Orval

Annunci

Read Full Post »

divieto accessoHanno appena aperto un nuovo supermercato.
Le offerte speciali ti stanno aspettando.
Devi solo arrivare prima di tutti gli altri.
I più giovani ti superano.
Tu hai qualche anno di età sulle spalle, ma riesci ancora a correre rapidamente.
Esci velocemente dalla curva al primo piano e la strada è libera davanti a te.

Se solo sapessi come si usano quelle maledette scale mobili…

Guarda il video…

Read Full Post »

darknightsoulMagari non sarà il migliore album del 2009, ma quasi sicuramente sarà il migliore non-album dell’anno.
Se decidete di acquistare “Dark Night of the Soul” di Danger Mouse e Sparklehorse, ecco cosa trovereste una volta scartata la confezione:

– un libro a edizione limitatissima realizzato da David Lynch
– un poster
– un CD vuoto con le istruzioni “usalo come preferisci”

Infatti a causa di una controversia con l’etichetta EMI, l’album non dovrebbe essere pubblicato.
Nè ora, nè mai.
Fortunatamente è possibile ascoltarlo in streaming sul sito della radio NPR.
Le collaborazioni per questo non-album sono straordinarie: The Flaming Lips, Julian Casablancas (The Strokes), Gruff Rhys (Super Furry Animals), Iggy Pop, Suzanne Vega, Nina Persson (The Cardigans e A Camp), Frank Black (Pixies), eccetera eccetera eccetera…
Visto che da queste parti si stravede per gli Strokes, ecco Little Girl.

E visto che da queste parti siamo anche generosi, ecco il link per potere usare il CD vuoto che avete preso credendo di acquistare Dark night of the soul.

Read Full Post »

Da bambino i Lego erano il gioco per eccellenza.
Bel tempo: pallone.
Brutto tempo: Lego.
Materiale indistruttibile, monocromatici, il più usato era il mattoncino 4×2.
I pezzi si perdevano e sparivano inevitabilmente negli angoli più nascosti della stanza. Li ritrovavi solo dopo anni, quando l’adolescenza aveva sostituito i tuoi giochi preferiti con altri pensieri.
C’era l’ospedale, il castello e il circuito di Formula 1 che però non mi piaceva poiché perdevo sempre contro mio fratello quando facevamo correre le macchinine sulla pista allargata sul pavimento della stanza.
La mia costruzione preferita era un piccolissimo camion della televisione, ma io l’ho sempre usato come camion dell’elettricista che andava ad aggiustare i lampioni.
Un giorno del millenovecentoottantaqualcosa, ho partecipato a un concorso di Lego a tema libero, organizzato da un negozio di giocattoli.
Ovviamente non ho vinto, e non credo sia perchè la mia opera non è stata compresa.
Avrei potuto costruire una nave, un robot, una casetta, un’automobile…
E invece no…
Ancora mi domando il perchè, ma io ho costruito un casello autostradale…
abbey

Nell’aria: Mamma Mia dei Tesco Chainstore Mascara, band dell’inventore di The Bootlego Beatles.

Read Full Post »

Il maledetto United – David Peace

maledetto united44 giorni.
Tanto è rimasto sulla panchina della squadra da lui più disprezzata.
Lui è Brian Clough: già ottimo calciatore (251 in 274 partite con Middlesbrough e Sunderland), già allenatore vincente del Derby County (vittoria del campionato 1971-1972), poi entrato nella storia come allenatore del Nottingham Forest (vittoria di due Coppe dei Campioni consecutive e imbattibilità per 42 partite consecutive di campionato tra 1977 e 1978*).
Tra il già e il poi ci sono stati i 44 giorni da allenatore del Leeds United, raccontati nel libro “Il maledetto United” e nel film “The Damned United”.
La trama del libro è sicuramente avvincente e i continui rimandi tra i successi ottenuti con il Derby e la disperazione di allenare il Leeds sono molto coinvolgenti.
Forse l’unica pecca è che il racconto avviene seguendo soprattutto il flusso di coscienza di Clough rendendo così la lettura meno scorrevole.
Il film invece è uscito in Inghilterra a fine marzo e dovrebbe arrivare anche in Italia.
Credo comunque che sarà molto difficile trovarlo nei nostri cinema.
D’altra parte è come se un inglese fosse interessato a vedere un film su Osvaldo Bagnoli o Ottavio Bianchi…

Lettura consigliata in attesa del film: “Come gli S.S. Wanderers vinsero la coppa d’Inghilterra” – James L. Carr

* Il record è resisitito fino al 2004 con l’Arsenal imbattuto per 49 partite di fila.

Read Full Post »

thunderdome

The Thunderdome

Per una persona.
Prendere un po’di tortillas (a piacere, secondo il vostro appetito), farcire con tre strati di bacon, salsiccia, carne di alce, cipolle e formaggio.
Guarnire delicatamente con due uova fritte e panna acida.
Aggiungere una spolverata di cipollotto tritato finemente per insaporire il tutto.
Servire caldo.

Come abbinamento si consiglia un bicchiere di vodka di patate al bacon.

Via

Read Full Post »

Una buona regola è sempre stata quella di fare una cosa alla volta.
Di questa regola sembra fregarsene altamente Jack White: dopo avere messo in pausa i White Stripes nel 2007, sono circolate voci di un loro settimo album in uscita nella prossima estate.
Con i Raconteurs ha pubblicato il secondo album lo scorso anno.
Per il 9 giugno 2009 è annunciata l’uscita di Horehound dei The Dead Weather, il supergruppo formato da Jack White con Alison Mosshart (The Kills), Dean Fertita (Queens of the Stone Age e The Raconteurs) e Jack Lawrence (The Greenhornes e The Raconteurs).
Il tutto è stato anticipato dal singolo “Hang You from the Heavens” (video).
Ma non è finita. A quanto pare a Jack White avanzava ancora un po’di tempo, perchè a fine maggio uscirà un singolo registrato con i Dex Romweber Duo, gruppo di cui è un grande ammiratore.
In “The Wind Did Move”, oltre che a cantare e a suonare il basso, Jack suonerà anche la sega musicale, strumento di cui conoscevo a malapena l’esistenza (se non sbaglio ce ne sono un paio nel video di Wonderwall degli Oasis) e del quale ignoravo completamente il nome.
74807123MB013_The_White_Str
Il myspace dei Dex Romweber Duo merita sicuramente una visita.

Via

Read Full Post »

Older Posts »